Maurizio Melfa, 44 anni, imprenditore, sposato e padre di due figlie. Titolare della Meic Services, società leader nel settore energetico presente sul mercato da oltre 26 anni ha gestito aziende con oltre 300 dipendenti. Specializzato nella gestione delle risorse umane, organizzazione, amministrazione e finanza. Un uomo realista che ha sempre saputo coniugare il lavoro con la famiglia che considera il principale punto di riferimento. Semplice e generoso Maurizio Melfa ha fondato la sua filosofia di vita sui valori della lealtà e della solidarietà. Ha saputo mantenere sempre un profilo sobrio e semplice nonostante gli strepitosi successi che hanno costellato la sua storia. Da sempre grande sostenitore dello sport che considera un’attività educativa fondamentale per i giovani. Ricordiamo, tra gli altri, il recente trionfo della Meic Services Pallavolo che ha vinto il campionato lo scorso anno. Maurizio non viene dalla politica ma intende mettere a suo servizio, le sue doti manageriali con un progetto fondato sullo sviluppo, la solidarietà e la vivibilità. Grandi idee ed una visione strategica, fondata sulla concretezza, che gli consentiranno di far rifiorire nel vero senso della parola questo lembo di terra su cui i nostri antenati ebbero la capacità di fondare una delle città più belle della Magna Grecia.
Nasce a Caltanissetta il 28/10/1971 ma cresce a Milena, nel cuore del vallone nisseno, dove ha origine la sua nobile famiglia.
Sin da bambina e fino agli studi universitari, è impegnata nelle attività culturali di promozione delle tradizioni del Paese delle Robbe.
Dopo il diploma Consegue la laurea in economia e commercio presso l'Università di Palermo.
Abilitata alla professione di Dottore Commercialista e Revisore deiConti.
Abilitata all'insegnamento di discipline giuridiche ed economiche.
Abitata alla professione di Promotore Finanziario.
Vincitrice di concorso pubblico, da oltre un decennio riveste il ruolo di DSGA Direttore Servizi Generali Amministrativi all'interno delle istituzioni scolastiche.
Ha lavorato in diversi istituti della provincia nissena e della città di Gela, acquisendo una competenza specifica e completa. Dal 2007 è DSGA presso il liceo scientifico Elio Vittorini di Gela, oggi proiettato a diventare una scuola di eccellenza nel panorama nazionale.
Sposata con Nicola Gennuso e mamma di Carlotta, ha dedicato gli ultimi anni ad approfondire le conoscenze e le competenze nell'applicazione del nuovo CAD-Codice Amministrazione Digitale, divenendo punto di riferimento a livello provinciale e non solo.
Ci sono persone che quando le conosci ti sembra di vederle da bambino. Forse la limpidezza o l’entusiasmo o il modo di fare o dire le cose.  Amedeo Strada è una di quelle. Questo a dire in modo immediato l’energia che si sente provenire dal contatto con alcune persone.
Amedeo Strada, architetto, entusiasta della vita e di tutto quello che la vita porta, ha un portfolio di progetti nazionali ed internazionali significativi.
Una storia professionale legata al senso pratico, quasi avventuroso, svolta in molte parti del mondo. A partire dalla Nigeria, a cavallo degli anni 70/80, poi in Camerun, in Inghilterra e quindi in Italia, insieme a molti amici e collaboratori nel tempo. Una formazione orientata al coordinamento tra diverse competenze e di raccordo con realtà costruttive diverse, legate anche alla prefabbricazione e alla costruzione di infrastrutture, in cui saper connettere i diversi soggetti coinvolti al momento giusto è il centro del problema.
Una capacità che traspare appunto dalla varietà dei suoi lavori, dal concorso vinto per la qualificazione architettonica del termovalorizzatore di Desio (Milano), sviluppato secondo un’idea decisamente innovativa quanto semplice, o del porto turistico di Licata. Ruolo determinante anche il progetto della Coop di Desio, che si è aggiudicato il premio Greenlight 2012 di Francoforte. Premio che promuove l’utilizzo volontario di tecnologie efficienti dal punto di vista energetico mirate a ridurre il consume illuminotecnico, la riduzione delle emissioni inquinanti e un contenimento del riscaldamento globale.
Laurea in Lettere Classiche indirizzo Archeologico (Università degli studi di Catania.)
Specializzazione in Archeologia Classica (Università degli studi di Catania e Siracusa .)
Dottorato di Ricerca in Archeologia e Scienze Storiche (Università degli Studi di Messina).
Specializzazione in restauro (Istituto Hispanico di Archeologia in Università di Murcia, Spagna).
E’ stata titolare di diverse borse di studio presso l’Università degli studi di Bologna .
Ricercatore presso l’Università degli studi di Bologna sul progetto: “Temi e metodi dell'archeologia greca applicata alla ceramica attica".
Ha prestato servizio:  Come collaboratore scientifico dal 2002 al 2006 sotto la direzione della Soprintendenza di Caltanissetta alle operazioni di scavo archeologico, schedatura ed inventario materiali e reperti archeologici provenienti dall'area archeologica di Sabucina, allo scavo e studio dei reperti archeologici provenienti dall’area dell’Acropoli di Gela e allo studio dei reperti durante il recupero dei relitti greci di Gela con relativa pubblicazione degli atti; ha collaborato alle operazioni di sistemazione del nuovo museo Archeologico di Caltanissetta; ha partecipato all’allestimento della mostra di Gela “La Sicilia in età arcaica. Dalle apoikiai al 480 a.C.”con relativo catalogo.
 Come collaboratore scientifico dal 2006 al 2008 sotto la direzione della Soprintendenza di Messina alle operazioni di scavo archeologico, schedatura ed inventario materiali dei reperti archeologici provenienti dallo scavo dell'area archeologica di Naxos, di Tindari, Caronia e Patti, alla sorveglianza e relativo scavo archeologico lungo il tracciato del metanodotto “Montalbano Elicona” presso Messina.
 Come collaboratore scientifico dal 2009 al 2015 presso: Soprintendenza di Foggia, Università Catania, Università Bologna, Soprintendenza di Tarragona (Spagna), Soprintendenza di Bologna, Soprintendenza di Enna, Soprintendenza di Venezia, Soprintendenza di Padova, Soprintendenza di La Spezia, Soprintendenza di Locri, Soprintendenza di Siracusa, Soprintendenza di Firenze, Soprintendenza di Potenza, Soprintendenza di Pisa, Soprintendenza di Siracusa, Soprintendenza di Trapani.  Come esperto tecnico del progetto Regione Sicilia (Progetti Europei G.A.L), Comuni Etna (Biancavillla, Randazzo, Adrano, Nicolosi, Piedimonte Etneo) e dei Comuni Val di Noto (Siracusa, Avola, Ragusa, Noto, Scicli).
Francesco Barranco, imprenditore quarantenne gelese, è uno che la malavita locale ha dovuto sfidarla guardandola dritto in faccia. In tanti lo reputano un 'vincente': dopo aver subito varie rapine nella propria attività commerciale, sceglie di rimanere a Gela perché sogna una città diversa e più sicura.
Soltanto un anno fa voleva lasciare tutto e trasferirsi altrove ma ama troppo questa città, le sue contraddizioni, la voglia di riscatto della Gela bene che i cittadini da troppo tempo attendono.
Padre di due figli ha scelto di 'Restare' e di far parte della squadra assessoriale di Maurizio Melfa perché ritiene che la città abbia raggiunto un 'livello zero' dal quale bisogna necessariamente ripartire. È amministratore unico di Vela del Sud srl, società sportiva che divulga la vela a livello mondiale e siciliano, il suo cavallo di battaglia è proprio lo sviluppo dello sport velico sul territorio.
Si è unito alla 'cordata' di imprenditori che appoggiano il progetto di Maurizio Melfa perché crede che solo la creazione di posti di lavoro possa essere alla base della rinascita di questa città.
La sua idea è quella di rilanciare al massimo l'iniziativa privata creando aziende in sinergia con il Comune in modo da favorire al contempo il rilancio dell'imprenditoria privata e della cosa pubblica.
RIPARTIAMO DA ZERO significa abbattere alcuni fattori culturali oggi predominanti che hanno osteggiato fortemente lo sviluppo e il benessere sociale della nostra città quali la cultura del non fare , del saccheggio della cosa pubblica, della malaburocrazia, dell’inefficienza e del clientelismo. Occorre ridare uno slancio culturale , economico, sociale, produttivo ed occupazionale alla città attraverso settori strategici quali l’industria, preferibilmente eco sostenibile e innovativa, il mare(pesca ,porto etc), l’agricoltura, il commercio, lo sport, la cultura , l’archeologia, il turismo, l’edilizia, le infrastrutture e la riqualificazione urbana. E’ fondamentale attivare , fin da subito e con priorità, tutti gli investimenti e i finanziamenti pubblici(fondi regionali , nazionali e comunitari) e privati(imprenditori locali , italiani e stranieri , fondi di investimento, merchant bank, banche d’affari) anche tramite strumenti innovativi per rimettere in moto l’economia e l’occupazione. Abbiamo la convinzione che azzerando gli sperperi , razionalizzando la spesa pubblica, utilizzando strumenti innovativi di architettura finanziaria e soprattutto mettendo in moto il piano di sviluppo possano liberarsi le risorse strumentali al raggiungimento degli obiettivi del presente programma. Il programma “METTIAMOCI ALL’OPERA” è volutamente molto sintetico ma efficace in quanto punta a risolvere i problemi della nostra città e a perseguire gli obiettivi di cui sopra suddivisi in 3 piani d’azione sempre caratterizzati dalla massima trasparenza quale arma contro la corruzione e soprattutto ogni sua azione prevista e non prevista sarà sempre contraddistinta da un obiettivo “PERSEGUIRE L’INTERESSE DELLA COLLETTIVITA’” .
    Rating di legalità Certificazione di bilancio Realizzazione di una task force locale per attrazione di investimenti ( imprenditori gelesi, gelesi non residenti, italiani, stranieri) e finanziamenti pubblici e privati Project Financing per investimenti strutturali e adeguamento dei servizi Sblocco progetti in itinere e cantierizzazione immediata dei progetti attualmente osteggiati dalla malaburocrazia Sportello antiburocrazia e anticorruzione Manutenzioni straordinarie per adeguamenti degli edifici pubblici (compresi quelli sportivi) Risolvere il problema della vacatio della gestione degli immobili e delle infrastrutture di competenza provinciale attualmente in stato di abbandono Convenzioni con banche e consorzi fidi per garantire gli investimenti degli imprenditori e assisterli nell’accesso al credito Rilancio zona industriale di Gela con assegnazione facilitata delle aree e risoluzione problemi infrastrutturali Rilancio e riconversione ecosostenibile dello stabilimento di Gela massimizzando l’occupazione e la salute pubblica Realizzazione di un polo dell’innovazione all’interno dello stabilimento Attrarre all’interno dello stabilimento petrolchimico realtà produttive che vogliono fruire delle infrastrutture esistenti Riaffermare la libera concorrenza e in quanto oggi il mercato è spesso drogato dall’ assistenzialismo Piano di Marketing strategico per fare diventare Gela una meta turistica, culturale, archeologica , sportiva e imprenditoriale Intensificare i rapporti tra la pubblica amministrazione , le scuole e le imprese Creare un Tavolo tecnico per lo sviluppo di Gela con partecipazione (gratuita), anche a mezzo di videoconferenza, di eccellenze gelesi nel mondo Creare tavoli tecnici per le singole aree con partecipazione(gratuita), anche a mezzo videoconferenza, di eccellenze gelesi nel mondo Suap autorevole, efficace, e importazione metodo “tedesco” Rilascio veloce di tutte le licenze Piano Colore Pagamento fornitori regolare Semplificazione amministrativa e burocratica Azzeramento degli sperperi e razionalizzazione dei costi del bilancio della città Stop alle consulenze Importare modelli di riqualificazione e valorizzazione urbana tipo Favara (Farm Cultural Park) Il Sindaco sarà Paladino di tutte le iniziative osteggiate da altri enti quali regione e apparati burocratici Piano regolatore PUC Compensazioni pubblico privato per la realizzazione di infrastrutture con criteri di massima trasparenza e finalizzati all’interesse della collettività Realizzazione di infrastrutture sportive e non, mancanti in città Sistema di deleghe alla squadra per raggiungere grandi obiettivi Sistema operativo permeato di trasparenza totale soprattutto su ogni decisione del sindaco con cronoprogrammi , report trimestrali e avanzamento del programma Piano aziendale Valorizzazione dei siti archeologici per dare impulso al turismo culturale Mettere a reddito il patrimonio immobiliare comunale Valorizzazione area di Montelungo e Manfria con dotazione dei servizi essenziali Rilancio e riconversione del mondo dell’autotrasporto attualmente messo in ginocchio a causa del protocollo d’intesa Eni del 06/11/2014
    Lista disoccupati attiva e sostanziale per garantire un incontro trasparente tra domanda e offerta di lavoro (JOB CENTER) Collegamento Pubblica amministrazione ,mondo delle imprese , privati benestanti , chiese e mondo sociale per garantire aiuti ai “nuovi poveri” e ai bisognosi e degli anziani Accordo di solidarietà con Federfarma per acquisto medicinali pediatrici a prezzo ridotto per famiglie indigenti con tassazione a carico dei consiglieri comunali e libere donazioni Creare uno sportello efficiente per l’integrazione , l’accoglienza e il sostegno degli stranieri Fare delle convenzioni con le banche per prestiti a famiglie bisognose che non riescono ad accedere al credito studiando apposite forme di garanzia Intensificazione dei rapporti costruttivi imprese- sindacati per la massimizzazione del benessere sociale Sostegno di tutte le realtà impegnate nel mondo del sociale , dello sport e della cultura con criteri meritocratici Attivazione sportello URP con sistema di feedback efficace rispetto alle istanze dei cittadini Efficienza nei servizi sanitari con particolare riferimento ai malati oncologici ed eliminazione di code interminabili Banco alimentare
    Acqua , aria e mare pulito Risolvere problema della spazzatura per le strade Risolvere problema arbusti(anche al cimitero) , sporcizia e presenza di topi nelle strade Risolvere problema della puzza di fogna imperante ad oggi in città Sicurezza in città e nelle zone Industriali con l’utilizzo di strumenti tecnologici quali videosorveglianza collegata a centrali operative ,utilizzo di droni per il monitoraggio del territorio Garantire i servizi essenziali quali energia elettrica alle aree periferiche aree industriali Dotare le aree di Contrada Bulala di energia elettrica Rimozione immediata dei due grossi serbatoi al porto di Gela Piano di viabilità della città con particolare riferimento alla Via Venezia Risoluzione problema code interminabili alle poste per i pensionati Attivazione del codice e strisce rosa Risolvere il problema del randagismo e degli animali morti per le strade Risolvere definitivamente il problema dell’acqua Risolvere il problema delle strade con voragini Dotare il comune di un sistema di gestione integrato qualità, ambiente e sicurezza e responsabilità sociale